Può un iPad avere virus ?

Capita spesso che mi venga posta questa domanda mentre mi chiedono un consiglio su quale table comprare o su quale iPad è meglio acquistare come strumento di lavoro.

Lavorando quotidianamente con computer fissi o portatili capita spesso di sentire la necessità di utilizzare un antivirus per evitare di incappare in spiacevoli inconvenienti. Ma c’è questo pericolo anche se utilizzano un iPad ?

iOS è un sistema sicuro

La risposta semplice e rapida è che un iPad (cosi come un iPhone) risulta un sistema operativo sicuro per svariate ragioni:

  • iOS non permette l’esecuzione di applicazioni con diritti di amministratore.
  • Le App installare su un dispositivo iOS non possono dialogare tra loro (o almeno possono farlo ma con forti limiti).
  • Le app girano all’interno di un “sandbox” che vincola l’ascesso di quest’ultime alle risorse del sistema operativo.

In pratica il più grande limite dell’iPhone lamentato da chi possiede un sistema operativo Android è anche la sua più grande fonte di sicurezza. Sullo store di Apple non troverete app che contengono codice malevolo, non troverete malware o virus che possono intaccare i vostri dati e se anche per un malaugurato motivo si verificasse una situazione tale per cui un’app contiene codice malevolo sarebbe iOS a impedire a quest’ultima di fare danni.

A differenza di Android dove è possibile installare app direttamente tramite pacchetti esterni noti come “apk” su iOS questa pratica non è consentita. Per installare un’app custom sull’iPhone è necessario un Mac con l’ambiente Xcode installato e un certificato specifico verificato direttamente da Apple.

La tranquillità non ha prezzo

La tranquillità di avere un dispositivo che non può essere “attaccato” o compromesso dall’esterno (entro ovviamente determinati limiti) è secondo me impagabile e vale tutti i mille euro di acquisto di un iPhone o di un iPad.

Alcune aziende preferiscono affidarsi ad Android per la fornitura di tablet e smartphone guardando solo al costo di acquisto senza valutare gli investimenti necessari per la gestione e risoluzione dei problemi.

Aggiornare sempre

Sempre in materia di sicurezza Apple offre aggiornamento costanti che coprono la vita media dei suoi dispositivi (e spesso al superano) garantendo che le patch di sicurezza, come le nuove features, siano sempre distribuite verso tutti i dispositivi in commercio offrendo quindi una rapida diffusione e una capillare “maintenance” di tutti i dispositivi.

Android dal canto suo non offre aggiornamenti continuativi ma lascia che siano i produttori a “modificare” e a diffondere gli aggiornamenti: questo causa ovviamente ritardi sia nella diffusione delle patch sia nel rilascio di nuove features.

Il problema non sono i virus

Come sappiamo tutti la tecnologia si sta evolvendo ed è sempre più difficile che un virus possa causare gravi danni ad un dispositivo (che sia iOS o Android) mentre si stanno evolvendo i metodi per “rubare” informazioni agli utenti tramite intercettazioni delle reti Wi-Fi (man in the middle) e simili.

Ovviamente la stabilità offerta da un sistema operativo “limitato” come iOS è sicuramente una fonte di sicurezza e tranquillità sia per un utilizzo lavorativo che come utilizzo domestico.

Stay Tuned.

Rispondi

Site Footer