Playstation 5: la nascita di una nuova era ?

Siamo finalmente arrivati al fatidico giorno in cui è giusto iniziare a parlare della nuova Playstation, nota anche come PS5. Sono circolati innumerevoli rumors sia sulle novità presenti nella nuova console di casa Sony sia sulla sua possibile data di uscita. Molti rumors parlano del suo rilascio per la metà del 2020, altri parlano di un più probabile 2021 e altri ancora non rilasciano nessuna dichiarazione sostenendo che al momento non vi sia nessun rilascio imminente.

Proviamo quindi a fare una breve analisi statistica del tempo di rilascio medio della Playstation partendo dalle date di commercializzazione Giapponesi e usiamole come riferimento per ipotizzare quando uscirà la nuova console.

Da tutto questo quindi riusciamo ad ottenere un dato importante: la distanza media in giorni tra una Playstation e l’altra è di circa 2327 giorni che corrispondono a circa 7,016438 anni (arrotondiamo a 7 anni per praticità).

Aggiungendo 2327 giorni al 15/11/2013 (data di rilascio della PS4 in Giappone) si arriva a 30/3/2020 ovvero al 30 marzo 2020. Ovviamente è una mia supposizione che si basa sulla media tra un rilascio e l’altro ma considerando che mentre sto scrivendo questo articolo siamo ad Aprile 2019, il 30 Marzo 2020 potrebbe essere una data più che appetibile.

Le specifiche

Esempio di grafica ray-tracing

Dalla nuova console di casa Sony ci si aspetta il pieno supporto alla grafica 8K, all’audio in 3D, una memoria allo stato solido per l’archiviazione/sistema operativo e compatibilità con i giochi della Playstation 4. Dal punto di vista dell’hardware si ipotizza che la CPU sarà basata sulla terza generazione del Ryzen made by AMD a 7 nanometri e due processori GPU basati sull’AMD Radeon Navi che potrebbe portare sulla PS5 la possibilità di gestire grafica Ray-tracing.

Anche dal punto di vista dell’audio ci si aspetta un notevole incremento sia nelle prestazioni sia nella qualità con il supporto all’audio in 3D in modo da rendere ancora più realistico l’ambiente di gioco.

Personalmente mi aspetto anche l’abbandono del lettore Blu-ray offrendolo solamente come accessorio esterno per permettere il caricamento dei giochi della Playstation 4. Rimuovere il lettore fisico permetterebbe di diminuire lo spazio della console e offrire un’esperienza 100% online senza dover più caricare manualmente i giochi ogni volta.

Mi aspetto anche qualcosa sul fronte del game streaming (Google ha recentemente presentato Stadia) in modo da ridurre il carico hardware della console e lasciar elaborare i dati più pesanti ai server di Sony. Offrendo un servizio di game-streaming Sony potrebbe finalmente entrare in un settore del pay-per-month dove ad una cifra mensile prestabilita è possibile giocare tutti i giochi che si desidera senza dover compare più nessun titolo singolarmente. Ovviamente questo permetterebbe anche di ridurre le prestazioni dell’hardware lasciando ampi margini di guadagno alla Sony.

Transcoding backend e game-streaming ?

Immaginatevi una Playstation 5 al costo di 99€ con un abbonamento mensile di 10/15€ senza necessità di dover comprare giochi ad ogni nuova release ? Sarebbe il sogno di tutti noi. Sogno però non realizzabile a breve in quanto non tutti hanno una connessione sufficientemente potente da gestire un transcoding in backend e uno streaming in simultanea.

Ma quanto mi costerai ?

Tornando alla realtà la prossima Playstation sarà sicuramente una notevole evoluzione in termini di prestazioni e qualità che però dovranno ricadere nel costo. Gli analisti sostengono che la nuova console costerà tra i 399 e i 499 euro. Magari le configurazioni più prestazioni raggiungeranno quest’ultima cifra ma difficilmente vedremo un cartellino superiore ai 500€.

Vedremo cosa ci riserverà il futuro, per ora non resta che attendere.

Stay Tuned.

Marco Dalprato

Sono un blogger, uno sviluppatore e un web designer Italiano. Ho iniziato a programmare fin da piccolo e ad oggi ho realizzato numerose applicazioni per iOS, siti web e articoli tecnici. Sono esperto nel web design, nella programmazione Swift (iOS), Visual Basic, HTML, CSS, Javacript e PHP. Ogni tanto scrivo anche qualche articolo tecnico e qualche guida sulle ultime novità in ambito informatico.

Rispondi

Torna in alto