iPhone 11 Pro Max: la recensione completa

L’iPhone è diventato Pro

Come ha detto iJustine nella sua ultima recensione siamo nella stagione degli iPhone (it’s iPhone season) e come ogni anno Apple ci spiega come spendere correttamente tutti i nostri risparmi.

Sono un Apple fan (e questo immagino si sia capito) dal lontano 2007, ancora prima che Apple fosse famosa per l’iPhone e per la sua rivoluzione tecnologica quindi posso dire di conoscere abbastanza bene iOS, iPadOS e macOS.

Ho posseduto l’iPhone 4, 5, 6, 7 e X e ho conosciuto tutte le versioni di iOS fina dai tempi in cui Scott Forstall disegnava le app ricalcandone il loro reale utilizzo (Skeuomorphism) fino all’interfaccia nuda e cruda di Jony Ive. Posso quindi permettermi di dire che l’iPhone 11 è finalmente il degno successore dell’iPhone X.

C’è un prima ed un dopo

Come molti di voi sanno gli iPhone hanno sempre seguito un’evoluzione biennale, l’iPhone 4 e il 5 sono stati due precursori di stile e funzionalità, l’iPhone 6 e 7 hanno invece mantenuto lo stesso design ma hanno aggiornato fotocamera e processore mentre con il passaggio dal 7 all’X Apple ha chiaramente portato l’asticella dell’innovazione più avanti rispetto alla concorrenza. Posso tranquillamente affermare che l’iPhone X ha segnato una rottura nel passato di Apple ed ha introdotto un mondo nuovo di telefoni senza tasti fisici e sblocco facciale.

L’iPhone 11 Pro e Pro Max sono un’evoluzione più che una vera rivoluzione in ambito tecnico: l’aspetto esteriore è rimasto lo stesso tranne che per la fotocamera mentre l’hardware è migliorato come giustamente deve farlo ogni anno per rimanere ai passi con lo sviluppo di iOS.

L’iPhone 11 Pro Max ha segnalato una svolta in ambito fotografico e questo è un dato di fatto: tre fotocamere che spaziano dall’ultra-grandangolo, grandangolo e teleobiettivo. Questo comparto fotografico trasforma l’iPhone in un fotocamera potente come non era mai stato possibile prima d’ora.

Tre fotocamere

Il primo argomento da affrontare è ovviamente quello delle tre ottiche. Sono tre obbiettivi ad alta risoluzione e ognuno di essi è da 12 Megapixel per un totale di 36 Megapixel (senza ovviamente contare il sensore frontale).

Ogni ottica ha una lunghezza focale differente e un’apertura del diaframma adatta a scopi diversi: l’ultra grandangolare permette un’ingresso di luce maggiore e una visione molto ampia (120 gradi) mentre grandangolare e teleobiettivo sono più “naturali”.

Ultra-grandangoloGrandangoloTeleobiettivo
Lunghezza focale di 13 mm
Diaframma con apertura ƒ/2.4
Obiettivo a cinque elementi
Angolo di campo di 120°
Inquadratura fino a 4 volte più ampia
Sensore da 12MP
Lunghezza focale di 26 mm
Diaframma con apertura ƒ/1.8
Obiettivo a sei elementi
Stabilizzazione ottica dell’immagine
100% Focus Pixels
Sensore da 12MP
Lunghezza focale di 52 mm
Diaframma con apertura aumentata a ƒ/2.0
Obiettivo a sei elementi
Stabilizzazione ottica dell’immagine
Zoom ottico 2x
Sensore da 12MP

Il reparto fotografico è ciò che personalmente mi ha stupito di più: la qualità delle foto si vede tutto e ti lascia sbalordito il modo in cui riesce a rendere vive e colorate le foto anche nei momenti più bui e scuri della giornata.

La qualità fotografia dell’11 Pro (Max) supera di almeno un 60% quella dell’iPhone X e di un 30/35% quella del suo predecessore, l’iPhone XS. L’ottica grandangolare è poi la “chicca” sulla torta che garantisce foto dall’effetto WOW (in pieno stile GoPro) ottime per essere pubblicate sui social.

Centoventigradi di fotografie

Le fotografie sono una delle parti più importanti della nostra vita e ci permettono di ricordare momenti che spesso tendiamo a dimenticare. Più una foto è ampia e più ovviamente informazione di quel momento riusciremo ad avere e a ricordarci quell’esatto istante ed è per questo che le foto fatte con il grandangolo sono più apprezzate.

L’ottica ultra-wide dell’iPhone 11 Pro ha un’angolo di 120 gradi che permette quindi di catturare più luce e ovviamente anche più dettagli.

Foto scattata con la fotocamera ultrawide

La possibilità di scattare foto cosi ampie è sicuramente uno dei punti chiave del nuovo iPhone e rivoluzionerà sicuramente il modo con cui salveremo i nostri momenti.

Fotografie notturne, per chi non dorme mai.

Un’altra caratteristiche che vi lasciare a bocca aperta appena la proverete sarà la night mode: una modalità particolare presente nell’app foto che vi permette di regolare il tempo di esposizione (funziona però solo con la fotocamera tele e wide). Questo settaggio vi permette di poter decidere il tempo in cui l’otturatore (virtuale, ovviamente) deve rimanere aperto e catturare luce dandovi la possibilità di scattare foto al buoi con una resa meravigliosa.

Modalità notte disattivata
Modalità notte attivata

Ovviamente rimane comunque l’ottima di uno smartphone e non può certamente fare miracoli: la qualità fotografia rimane eccezionale e stiamo veramente parlando di tre ottiche che lavorano talmente in sintonia che la bilanciatura del colore risulta praticamente perfetta.

Usandolo quotidianamente vi renderete poi conto di quanto sia pratico e semplice passare da un’ottica all’altra in modo rapido, semplice ed immediato. Anche durante la ripresa di un video potrete decidere di zoommare per inquadrare meglio un soggetto o inquadrare tutta la scena utilizzando l’ottica ultra grandangolare.

Una batteria che dura

Il mio ultimo iPhone è stato un X da 256GB e dopo quasi due anni la batteria durava poco. Arrivavo a fine serata con il 30/25% di batteria con un utilizzo medio e spesso, dopo una giornata in palestra, faticavo ad arrivare con il 10% di batteria.

Con l’iPhone 11 Pro Max e con lo stesso tipo di utilizzo arrivo a sera con la batteria al 75/80% senza problemi. Ovviamente la batteria del Pro Max è nuova ma i suoi 1253 mAh di capacità aggiuntiva (l’iPhone X ha una batteria da 2716 mAh mentre l’11 Pro max ha una batteria da 3969 mAh) fanno davvero la differenza.

Per chi se lo stesse chiedendo non ho ancora provato la ricarica rapida, il caricabatterie è ancora dentro al sua confezione insieme al suo cavo originale (che vi ricordo essere per la prima volta un type C) mentre la ricarica wireless funziona perfettamente bene (se vi interessa, uso questo).

Conclusioni

La mia opinione quando si parla di prodotti Apple è difficilmente obbiettiva e certamente non nascondo il mio amore per i prodotti della mela quindi le mie conclusioni sul nuovo iPhone sono più delle considerazioni personali che dei consigli per l’acquisto.

Se la vostra necessità è quella di avere un telefono che funzioni bene, che faccia un numero relativamente limitato di cose ma nel migliore dei modi l’iPhone è lo smartphone che fa per voi.

Ho la fortuna di poter programmare quotidianamente sia con iOS che con Android e mi rendo conto delle reali differenze in termine di pulizia del codice e di organizzazione che c’è tra un sistema operativo e l’altro ed è inutile dirvi che iOS è più pulito, organizzato e meglio sviluppato (facile a farsi poiché Apple sviluppa sia l’hardware che il software) mentre Android tende ad essere più grezzo, meno sviluppato e preciso.

Tornando però al nuovo iPhone non posso che consigliarvi l’acquisto e per aiutarvi nel caso in cui vogliate scegliere tra l’iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max vi lascio con questa tabella semplice e (spero) chiara.

iPhone1111 Pro11 Pro Max
FotoDue fotocamere: ultra wide e tele.
Va bene se usate Instagram la maggior parte del tempo.
Con tre fotocamera non c’è discussione che reggaCon tre fotocamera non c’è discussione che regge.
BatteriaBuona ma niente di superlativo.Migliore dell’XS ma niente di stratosferico.La miglior batteria che un’iPhone possa avere.
DisplayLCD e va bene solo se venite da un’altro display LCDOLED: eccezionale.OLED: eccezionale.
DimensioneStile iPhone X: va bene se siete abituati a questa dimensione.Idem per l’iPhone 11: dimensione giusta se non volete esagerareGrande: 6,5″ si sentono tutti ma dopo un mese vi chiederete come avete fatto senza
PrezzoCon meno di 900€ lo comprate e scordatevi il 64GB e andate direttamente al 128GB.Circa 1400€ per il 256GB, il 64 lo riempite dopo due foto e un video.1500€ e li vale tutti. Anche qui puntate al 256GB.

Se avete domande o volete condividere riflessioni i commenti qui sotto sono aperti.

Stay Tuned

Marco Dalprato

Sono un blogger, uno sviluppatore e un web designer Italiano. Ho iniziato a programmare fin da piccolo e ad oggi ho realizzato numerose applicazioni per iOS, siti web e articoli tecnici. Sono esperto nel web design, nella programmazione Swift (iOS), Visual Basic, HTML, CSS, Javacript e PHP. Ogni tanto scrivo anche qualche articolo tecnico e qualche guida sulle ultime novità in ambito informatico.

Rispondi

Torna in alto