Apple TV, abbiamo il futuro senza saperlo.

Apple TV, questa sconosciuta.

L’ho già detto, che l’Apple TV è il futuro, ma credo che in pochissimi l’abbiano capito o semplicemente non gli è mai stato spiegato in modo semplice.
L’Apple TV è attualmente uno dei prodotti meno conosciuti della Apple sia per la quasi assenza di pubblicità che viene creata per essa (fateci caso, ma la Apple TV non è quasi per niente pubblicizzata) sia per la scarsità di informazioni che il sito web ufficiale e i vari blog online hanno riguardo al piccolo media-center made in Cupertino.

Personalmente, ritengo l’Apple TV geniale.

In pratica ti permette di :

  • Vedere Film noleggiati o acquistati direttamente dall’iTunes Store o dal tuo Mac.
  • Ascoltare tutta la musica che hai acquistato, che hai sul mac o che hai dentro iTunes Match.
  • Vedere tutte le foto presenti nello Streaming Foto personale.
  • Guardare i video di YouTube.
  • Effettuare il mirroring (duplicazione del monitor) con il mac, l’iPad o l’iPhone/iPod Touch.
  • Ascoltare dalle casse della televisione/stereo la musica riprodotta con Airplay.
  • Guardare i video della Major League Baseball
  • Guardare i video dell’NBA
  • Guardare i Trailer dei film (iTunes Trailer)
  • Accedere a Vimeo
  • News del Wall Street Journal
  • Ascoltare le Radio Digitali

Ovviamente, quanto ho scritto sopra è riferito allo store Italiano, poiché quello Americano fornisce una quantità enorme di servizi (sopratutto Netflix).

AirPlay, il Wi-Fi non è mai stato cosi utile.

L’Apple Tv può essere utilizzata come riproduttore di musica autonomo o come riproduttore di musica in streaming attraverso il protocollo “AirPlay”.

Nel primo caso, se avete acquistato canzoni dall’iTunes Store o se avete un’account iTunes Match potete utilizzare l’Apple TV come vero e proprio riproduttore multimediale in Streaming.

Nel secondo caso, invece, potete inviare direttamente la traccia audio all’Apple TV da un qualsiasi device Apple quale Mac, iPad e iPhone/iPod Touch.

La grande comodità dell’AirPlay è l’assenza di configurazioni necessarie per far funzionare tutto subito e rapidamente.

Non serve dover configurare porte o particolari protocolli, basta semplicemente connettere la Apple TV in Wi-Fi al proprio modem/router e automaticamente, senza dover impostare nulla, vi ritroverete con un pulsante adibito alla gestione dello streaming audio AirPlay.

L’intuizione geniale sta proprio nella semplicità del funzionamento.

Alternativamente esiste il protocollo DNLA, più aperto e non vincolato ai dispositivi Apple, ma ben più complicato e spesso incompatibile con dispositivi di marche differenti.

Ovviamente, oltre all’Apple TV, per lo streaming audio si può utilizzare l’Ariport Express che funziona sia come ripetitore Wi-FI sia come router e anche come riproduttore streaming per AirPlay.

Noleggio & Acquisto di Film.

Da quanto ho l’Apple Tv non compro più DVD, o almeno, ne compro molti di meno rispetto a prima.

Il costo medio di un film da noleggiare, in qualità standard, è di 2.99 € , in qualità HD (1080p) è di 3.99€.

Mediamente i film sono disponibili in concomitanza con l’uscita in DVD ma per alcuni titoli (per esempio The Hobbit, Vita di Pi ecc..) il noleggio era già disponibile due settimane prima.

La qualità video è ottima, uguale e in alcuni casi superiore ai Blu-Ray in commercio.

Il grande vantaggio del noleggio sta’ tutto nella comodità di avere un’intero catalogo di film disponibili fin da subito e facilmente noleggiabili (basta avere un account Apple collegato ad una carta di credito).

Il principale problema del noleggio/acquisto dei film è la velocità di download che in alcuni casi è veramente lenta il che è dovuto alle reti Internet Italiane e su questo argomento tirerei un velo pietoso.

In media, con la mia connessione Internet (Classica Alice 7 MB) il download di un film segue queste linee guida :

  • Film in qualità Standard (Il film era Lawless, se vi capita guardatelo perché è molto bello), dimensione di circa 2.8 GB. Il download ha richiesto 70 minuti
  • Film in HD (Il film era 007-Skyfall, anche questo merita molto), dimensione di circa 9.8 GB. Il download ha richiesto circa 130 minuti.

Ovviamente, dopo qualche minuto è già possibile guardare il film praticamente in streaming (un pò come i video di YouTube) ma personalmente preferisco scegliere il film il giorno prima per guardarlo con calma la sera.

In alcuni casi può capitare che il film non venga scaricato completamente il che è assolutamente normale poiché la Apple TV è dotata internamente di una memoria Flash da 8 GB (disponibili 7.5 circa) quindi, nel caso di un film di dimensioni superiori (per esempio SkyFall il cui peso è di circa 9.5GB) verrà scaricato a “pezzi” e non interamente ma il risultato finale è assolutamente fluido e senza alcun tipo di interruzione.

Per ora ho noleggiato, numero più o numero meno, all’incirca un centinaio di film e non ho mai avuto alcun tipo di problema né con il download né con la visione del film.

Volendo fare un esempio del risparmio ottenibile con il noleggio di film sull’iTunes Store, possiamo paragonare un DVD appena uscito (Lo Hobbit) costa all’incirca 16 € con un noleggio sull’Apple TV.

Il noleggio in qualità DVD (quindi standard) mi è costato 3.99 €, quindi con gli stessi soldi del DVD mi posso guardare altri 3 film o, nel caso voglia “capire” bene il film, riguardarmi quattro volte lo stesso film.

Personalmente non mi è mai capitato di guardare più di due volte lo stesso film in un anno ed è per questo che sono diventato un “Rent-addicted”.

PS: L’unico consiglio che mi sento di dare a chi volesse noleggiare film dall’iTunes Store è quello di controllare che sia disponibile la lingua Italiana poiché può capitare a volte che alcuni film siano prima disponibili in lingua originale e solo dopo qualche giorno in lingua Italiana (Il che è ben indicato nelle informazioni del film stesso).

Streaming Foto, in un lampo.

Prendi l’iPhone, scatti una foto e attendi qualche minuto.

Se conoscete un pò il mondo iCloud e nello specifico “Streaming Foto” sapete che una foto appena scattata verrà immediatamente salvata in una cartella “Cloud” (ovvero dentro ad un server di mamma Apple).

Una funzione interessate è che, attraverso l’Apple TV, potete rivedere automaticamente tutte le foto che sono presenti in iCloud.

Per esempio, se andate in vacanza per una settimana e fate un centinaio di foto, appena arrivati a casa potete rivedere tutte le foto senza dover collegare cavi, sincronizzare fotocamere o altre operazioni noiose e spesso snervanti.

Ancora più bello è che chi è casa, se dotato di una Apple TV, può vedere in “diretta” le foto che state scattando, quindi i nonni possono sapere cosa stanno combinando i nipoti al mare (lo so, fa molto Grande Fratello ma fa stare tranquilli i parenti).

Mirroring, un monitor su due.

La funzione Mirroring è interessantissima poiché in pratica ti permette di duplicare il monitor del Mac direttamente sulla televisione alla quale è collegata l’Apple TV.

Quindi, se per esempio vuoi condividere un sito che stai guardando sul Mac, può attivare il mirroring e mostrarlo a tutti quelli che stanno guardando la TV in quel momento.

Oltre che col mac funziona anche con l’iPad, l’iPhone e l’iPod Touch.

Pensate se dovete mostrare una presentazione di un nuovo prodotto ai vostri clienti, o i risultati finanziari della vostra azienda : potete farlo semplicemente collegando l’Apple TV al proiettore e attivando la modalità di mirroring sull’iPad o sul Mac, in modo da mostrare ai clienti che la vostra è un’ottima azienda.

YouTube

Forse una delle funzioni più “scontate” ma da non sottovalutare.

Con la Apple TV potete visualizzare tutti i video presenti su YouTube e sopratutto accedere con il vostro account personale per vedere i vostri canali preferiti in streaming.

NFL, MLB & NBA

Funzioni Extra, usate poco e niente ma per un appassionato possono essere molto interessanti.

Wall Street Journal

Questa funzione l’ho usata parecchio e la uso tuttora.

Notizie fresche, semplici e in “pillola” (durano al massimo 60 secondi).

Ovviamente tutto in Americano.

 Trailer

Interessantissima raccolta di tutti i Trailer di Itunes.

Quasi tutti in HD e in lingua Originale

 Radio Digitali

Altra interessante funzione che permette di ascoltare tutte le Radio digitali presenti nell’iTunes Store.


Configurazione (come se ce ne fosse bisogno)

La configurazione è più semplice da fare che da spiegare ed in effetti il manuale è talmente minimalista da essere quasi inutile.

Una volta collegata alla TV attraverso il cavo HDMI e alimentata collegandola all’alimentazione di rete con il cavo fornito in dotazione l’Apple TV è pronta per essere utilizzata.

Il primo passo è quello di seguire le istruzioni a video, dove verrà richiesto di inserire il proprio account Apple, la password della propria rete Wi-Fi e alcune informazioni necessarie per collegarsi allo Store Online (Nazione, lingua ecc…)

Finita la fase di configurazione iniziale la Apple TV è pronta per essere utilizzata e fondamentalmente non c’è nient’altro da fare se non che godersi i vari contenuti.

Connessioni

Le connessioni dell’Apple Tv sono lo stretto necessario per poter fruire appieno dei contenuti multimediali offerti dallo Store Apple o dall’AirPlay.

Le connessioni sono :

  • Alimentazione di rete
  • Connettore HDMI
  • Cavo ottico Toslink
  • Cavo di rete Ethernet RJ45
  • Connetore Micro-USB (utilizzato esclusivamente per manutenzione)

Poiché l’Apple TV è dotata di connessione Ottica (Cavo Toslink) è possibile collegarla direttamente ad uno stereo o ad un impianto Hi-Fi dotato di questa interfaccia (Ormai quasi tutti gli impianti Dolby Digital o Stereo sono dotati di questa porta).

Quindi è possibile scegliere di gestire l’audio in uscita dalla Apple TV direttamente dalla porta HDMI insieme al flusso video oppure, gestire il solo video con l’HDMI e l’audio con la porta ottica.

Questa soluzione è molto utile nel caso abbiate un’impianto stereo vicino alla televisione o un’impianto 5.1 e volete poter ascoltare l’audio passando direttamente per lo stereo.

L’Apple TV è dotata anche di una porta di Rete standard RJ45 che probabilmente non verrà mai utilizzata (molto più comodo l’utilizzo del Wi-Fi).

Nel caso in cui, però, vogliate utilizzare la porta di rete dovete considerare che è una porta a 100Mbps e non ad 1Gbps probabilmente questa è l’unica pecca da segnalare ma di poca importanza considerando che essendo un prodotto consumer, pochissimi utenti sfrutterebbero appieno la banda offerta da una rete ad 1Gbps.

Volendo evitare inutili disquisizioni riguardo alla banda di rete o tecnologismi vari, consiglio di utilizzare, se ne avete la possibilità, come connessione di rete preferenziale il Wi-Fi proprio per la sua semplicità e per la “pulizia d’installazione” del prodotto (niente cavi inutili).

Filodiffusione, semplice con AirPlay

Poche persone sanno che con AirPlay è possibile creare una vera e propria “Filodiffusione” semplicemente utilizzando i componenti che Apple ci fornisce sul proprio Store.

Voglio evitare inutili spiegazioni e passo subito ad un esempio pratico :

(se l’immagine risulta piccola, cliccandoci sopra la potete vedere a dimensione originale).

Dal disegno sopra si capisce che semplicemente configurando i due Airport Express e la Apple TV con la rete Wi-Fi di casa è possibile creare una Filodiffusione simultanea tra più dispositivi.

I vantaggi di utilizzare AirPlay come mezzo di filodiffusione sono molti ma voglio elencare i principali e i più importanti (Qui trovate tutte le informazioni del caso).

  • Nessuna configurazione particolare.
  • Perfettamente compatibile con tutti i Mac e i Device Apple (iOS).
  • Integrabile con qualsiasi rete Wi-Fi esistente.
  • Gli Airport Express, oltre che a poter essere collegati a dei diffusori audio, possono essere utilizzati per amplificare autonomamente la rete Wi-Fi alla quale sono connessi.
  • Possibilità di regolare il volume di ogni singolo diffusore.
  • Appena si accede alla rete Wi-FI è tutto già disponibile.
  • Non è necessario aprire nessuna applicazione poiché è già tutto integrato in iOS e, nel Mac, in iTunes.
  • Ottima streaming audio (per chi se ne intende, qui le specifiche).
  • Protocollo audio protetto con chiave AES.

Se vi può interessare, queste sono le specifiche audio di comunicazione sfruttare dall’AirPlay :

The streams are transcoded using the Apple Lossless codec with 44100 Hz and 2 channels encrypted with AES, requiring the receiver to have access to the appropriate private key to decrypt the streams (Fonte, Wikipedia)

Un altro grande vantaggio è relativo al costo, che in questo caso è veramente basso considerando i seguenti prezzi (Fonte Apple Web Site) :

  • Airport Express 99 €
  • Apple TV 109 €

In pratica, ipotizzando una casa composta da cinque stanze, con circa 500 € (più eventuali amplificatori audio/altoparlanti) è possibile trasmettere in streaming l’audio per tutta la casa.

Immaginatevi di arrivare a casa dopo una faticosa giornata di lavoro e, dopo aver controllato le email sull’iPhone, poter ascoltare un bel sottofondo musicale per tutta la casa (il sottofondo potrebbe essere questo).

Conclusioni (Finalmente !)

Concludo sperando di aver “chiarito” le idee a chi non aveva ben capito il funzionamento della Apple TV o dell’AirPlay e, sopratutto, di aver spiegato qualcosa di interessante a chi magari non aveva più più pallida idea di cosa fosse tutta questa “roba”.

Se avete dubbi, commenti o semplicemente volete sapere qualcosa in più (se so rispondere) scrivete pure nei commenti qui sotto.

Alla prossima.

Stay Tuned !

Rispondi