Apple Event Marzo 2019: le 5 grandi novità.

Sono tante le novità che Apple ha presentato nell’evento di ieri 25 Marzo, molte delle quali avranno un notevole impatto nella vita di tutti noi.

Parto con il dirvi che sono stati presentati dei servizi invece che prodotti fisici e questo è un chiaro segnare di dove Apple stia indirizzando il suo focus in questo particolare momento storico.

Apple News Plus, Apple Card , Apple Arcade, Apple TV Channels e Apple TV Plus sono i cinque nuovi servizi sui quali Apple focalizzerà le sue forze e energie nel corso di quest’anno.

La strategia a lungo termine è quella di realizzare un ecosistema di contenuti che permetta sia agli utenti Apple e non solo di sfruttare tali potenzialità: per la seconda volta (Apple Music per Android è stata la prima) Apple non vincola l’utente all’hardware ma permette a tutti di accedere ad alcuni dei suoi servizi.

Apple News Plus

Apple News Plus è un servizio, al momento non disponibile in Italia, che permette di sfogliare sui propri dispositivi tutte le riviste e i giornali contenuti nell’abbonamento da 9.99$ (per ora disponibile solo negli USA e in Canada). Al momento del lancio saranno presenti circa 300 riviste/giornali che includono anche il The Wall Street Journal e il Los Angeles Times.

La privacy inoltre è tutelata in quanto Apple non conosce e non può visualizzare la cronologia delle visualizzazioni pertanto ciò che viene letto riamane all’interno del dispositivo e non viene condiviso in nessun modo con enti terzi (anche per evitare la vendita delle proprie preferenze).

Offrire questo tipo di abbonamento condivisibile anche con l’opzione in famiglia è sicuramente uno step in più verso l’eliminazione delle edicole tradizionali e un move forward verso un mondo sempre più digitale e meno cartaceo (e qui gli ecologisti ringrazieranno).

Apple Card

Apple Card è invece ciò che personalmente aspettavo da anni: una carta di credito made by Apple che permette finalmente di bypassare la propria banca e appoggiarsi ad Apple.

La carta è finanziariamente gestita da Goldman Sachs e rilasciata da Mastercard pertanto la solidità è garantita da due leader del settore. I vantaggi sono tassi più bassi della concorrenza, cashback sulle spese giornaliere e i zero costi di attivazione.

Sarà presente, oltre alla versione virtuale, una carta fisica in titanio senza nessun codice CCV o numero di carta impresso sopra: il tutto è possibile grazie ai nuovi standard di sicurezza implementati.

Oltre ad essere un interessante esperimento di marketing questa Apple Card permette al colosso di Cupertino di sondare il terreno per un eventuale servizio di finanziamenti/noleggio dell’hardware. Se adesso compriamo le auto pagando mese per mese è probabile che tra qualche anno verranno presentati servizi di “leasing” anche per iPhone/iPad e Mac.

Apple Arcade

Apple Arcade è ciò che tutti i casual gamer attendevano da anni: un abbonamento mensile che da la possibilità di giocare ad oltre 100 titoli presenti sull’App Store (che aumenteranno nel tempo) senza doverli comprare singolarmente.

Il concetto è diverso da quanto presentato da Google al GDC poiché Arcade è un subscription service ad uso e consumo dell’utente finale: invece che pagare ogni singolo gioco è sufficiente pagare una fee mensile e avere cosi a disposizione tutti i giochi che più si amano.

Apple TV Channels

Qui Apple ha deciso di presentare una nuova app volta a includere al suo interno provider televisivi del calibro di HBO, PBS, CBS, Acorn TV e Tastemade senza dover obbligare gli utenti a utilizzare App di terze parti.

In Italia il servizio sarà disponibile (finalmente) entro la fine dell’anno secondo quanto indicato sul sito ufficiale del servizio anche se al momento non ci sono informazioni sul prezzo o sulla sua disponibilità.

Sicuramente avere un’ App che riesca ad aggregare servizi come Netflix, Amazon Video e iTunes sarebbe una piccola rivoluzione nel campo dei contenuti video online.

Apple TV Plus

L’ultimo servizio presentato all’evento del 25 Marzo è Apple TV Plus: il vero fiore all’occhiello di Apple per il 2019.

Un servizio completamente basato su contenuti creati appositamente per questa piattaforma con star del calibro di Oprah Winfrey, Reese Witherspoon, Steven Spielberg, Jason Momoa, Steve Carell, Alfre Woodard, Sesame Street’s Big Bird e Kumail Nanjiani.

Sfortunatamente non sono noti i titoli dei programmi, il costo e come verrà distribuito il servizio tra le varie piattaforme ma è garantita la sua presenta anche nel nostro territorio in quanto riportato anche dal sito ufficiale Apple.

Ci saranno documentari originali, serie TV dirette e scritte da registri del calibro di Spielberg e J.J. Abrams e tante altre novità ancora non rilevate.

Una novità interessante è l’apertura di Apple verso produttori di Televisioni per poter fruire di tutti i servizi sopracitati.

Sarà quindi possibile sfruttare servizi come Apple TV Plus anche su TV Sony, Samsung e dispositivi di terze parti come la Fire TV di Amazon.

Concludo con una riflessione: Apple si sta aprendo verso il modo dei servizi e dell’intrattenimento online spostando sempre di più l’asticella da produttore di hardware/software a fornitore di servizi (finanziari e non). Non conosco il business plan di Apple in questo momento ma sono certo che qualsiasi settore verrà toccato subirà una rivoluzione sia in termini tecnologici sia in termini finanziarli.

Stay Tuned.

Marco Dalprato

Sono un blogger, uno sviluppatore e un web designer Italiano. Ho iniziato a programmare fin da piccolo e ad oggi ho realizzato numerose applicazioni per iOS, siti web e articoli tecnici. Sono esperto nel web design, nella programmazione Swift (iOS), Visual Basic, HTML, CSS, Javacript e PHP. Ogni tanto scrivo anche qualche articolo tecnico e qualche guida sulle ultime novità in ambito informatico.

Rispondi

Torna in alto